LE RAGAZZE DEL PANDORA’S BOX di Thom Fitzgerald (2020) [Film]
 

Siamo a Red Vine, una cittadina del Texas, dove Maybelline si prende cura del coro femminile della chiesa battista locale. Stanno provando ‘Amazing Grace’ senza essere per questo ‘né fantastiche né piene di grazia’ ma è pur sempre un impegno che riempie una vita regolare e monotona. Poco dopo, una telefonata inattesa la informa che Ricky, il figlio gay che non vede da molto, è morto.

Scontrandosi con il marito che decide che non andranno al funerale, lei, che per troppo tempo lo ha assecondato – ‘per 10 anni lo hai punito e ora vorresti continuare punendo me’ – si ribella e parte. Non potrà rivederlo ma almeno saprà a che cosa ha rinunciato.

Arrivata a San Francisco, la sorpresa è tanta. Il funerale è una festa; dal compagno di Ricky viene a sapere di avere ereditato il ‘Pandora’s Box’, un locale per Drag Queen, tra loro madri, figlie e sorelle, che almeno lì sul palco riescono a ‘tirar fuori la regina che è in loro’; ma soprattutto scopre una comunità dove i rapporti sono autenticamente solidali, una comunità che l’accoglie, ha bisogno di lei e ben presto le darà la possibilità di riscattare il passato. Lei sa dirigere un coro, loro vogliono cantare, la soluzione sembra a portata di mano.

La brava attrice australiana Jackie Weaver è una simpatica Maybelline, Lucy Liu affascinante anche nei panni di una madre single incasinata, le drag queen hanno vere doti canore. Il film, inserito in un filone già noto, ci dice che il tempo perduto forse non è perduto per sempre.

Consigliato da Letizia della Casa delle donne di Parma